I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Quanto è superficiale Bill Gates

di Guido Scorza

Pubblicato il 05/11/2013 da Guido Scorza

«La tecnologia e i computer non salveranno il mondo». Sono parole di Bill Gates, il genio visionario che ha portato un computer in ogni casa ed in ogni ufficio e non c’è quindi da stupirsi che abbiano fatto, in poche ore, il giro del mondo. «Se nella scala delle priorità più urgenti del mondo mettiamo la Rete al primo posto, ci prendiamo in giro – ha aggiunto Gates, che ha poi proseguito – Pensate a questa cosa strana della quale mi sto occupando io, il vaccino per la malaria, che uccide 500 mila persone all’anno. Che cosa è più importante per loro, avere accesso alla Rete o avere accesso alla vaccinazione?». E’ stridente, quasi incredibile il contrasto tra quanto Bill Gates, classe 1955, dice oggi, giunto sulla soglia dei suoi sessant’anni e quanto scriveva quindici anni fa, nel dare alle stampe il suo “La strada che porta al futuro”. «Verrà un giorno, e non è molto lontano – scriveva Gates – in cui potremo concludere affari, studiare, conoscere il mondo e le sue culture, assistere a importanti spettacoli, stringere amicizie, visitare i negozi del quartiere e mostrare fotografie a parenti lontani, tutto senza muoverci dalla scrivania o dalla poltrona. Il computer sarà più di un oggetto da portare con noi o di uno strumento da acquistare: sarà il nostro passaporto per una nuova vita mediatica. L’autostrada informatica trasformerà la nostra cultura tanto drasticamente quanto l’invenzione della stampa di Gutenberg ha trasformato quella del Medio Evo. […] Internet e il più grande veicolo di autodivulgazione di tutti i tempi». E ora? Che è successo? Si è pentito del suo passato al punto quasi di ripudiarlo? E’ stato folgorato sulla via di Damasco? Difficile dirlo ma il punto non è questo. Il punto è che il nuovo Gates-pensiero – o almeno quello che i media mainstream stanno imputando a Bill Gates – è intriso fino al midollo di una stucchevole retorica tanto superficiale ed approssimativa da rendere difficile credere che si tratti di idee partorite dalla stessa genialità senza la quale – questo lo si può affermare senza tema di essere smentiti – il mondo oggi non sarebbe lo stesso e Internet, come la conosciamo, probabilmente non esisterebbe. Tanto per cominciare che significa che «Internet non salverà il mondo» come dice Gates e come in queste ore stanno acriticamente riportando le più autorevoli testate del pianeta? Internet non salverà il mondo da cosa? Dalla malaria, dalla fame, dalle carestie, dalle guerre, dalla povertà o magari dalla stupidità, idiozia e miopia di certi uomini di Governo? E chi lo ha mai detto che Internet possa o debba salvare il mondo? Internet è “solo” un mezzo di comunicazione, un fattore abilitante di un nuovo ecosistema e, questo, Bill Gates lo sa benissimo. E’ stato lui stesso, qualche giorno fa, a twittare con entusiasmo la notizia del suo incontro con gli scienziati che utilizzano l’open data, la condivisione delle informazioni e la Rete per debellare la malaria. Internet da solo non salverà il mondo ma se si volesse ripagare la retorica di Gates con la stessa moneta si potrebbe serenamente rispondere che senza internet, gli uomini – ai quali sono affidate le sorti del mondo – certamente non lo salveranno. Non importa se Bill Gates pensi davvero quello che ha detto, se a spingerlo ad una presa di posizione tanto forte contro il nuovo che avanza sia stata l’umana gelosia per i nuovi “profeti” del futuro – che si chiamino Larry e Sergey o Mark Zuckenberg – o l’esigenza di richiamare l’attenzione sull’urgenza di investire – come indubbiamente sta facendo lui – tempo e risorse nella lotta alla malaria, l’importante è che non passi davvero l’idea che Internet non sia poi così utile né così importante. C’è troppa gente in giro – specie in Italia – che non aspetta altro che poter dire che persino Bill Gates non è più convinto che Internet sia il futuro e che, quindi, forse, non vale la pena di investire in tecnologia ed autostrade dell’informazione.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'