I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sgombro in scatola, il sequestro che preoccupa

I Nas hanno disposto il ritiro di circa 80.000 confezioni. Ma la marca è un mistero

Pubblicato il 25/10/2013 da Prevenzione a tavola

I Nas hanno disposto il ritiro di circa 80.000 confezioni (32 tonnellate) di sgombro al naturale. In seguito alla segnalazione da parte di un cittadino, è stata accertata presso un'azienda importatrice di Genova, la presenza di parassiti in alcuni campioni di sgombro al naturale in scatola. I militari del nucleo hanno accertato che oltre 165.000 confezioni di sgombro sono state distribuite sul territorio nazionale, dove sarebbero state vendute - presumibilmente - al dettaglio al costo di circa 4 euro. A seguito dell'intervento, la ditta ha avviato le procedure per il ritiro dei prodotti commercializzati. L'ipotesi della presenza di parassiti Inizialmente le ricerche si sono concentrate su una possibile contaminazione da Anisakis, un parassita che può essere comunemente presente in alcuni tipi di pesce fresco, congelato o marinato, tra cui lo sgombro. L'ingestione di questo parassita risulta rischiosa se la carne di pesce viene consumata cruda. Trattandosi di un prodotto in scatola, quindi presumibilmente sottoposto a sterilizzazione, questo rischio dovrebbe essere perciò scongiurato. Il sequestro potrebbe quindi essere stato disposto per procedere alla ricerca dell'istamina, una sostanza presente negli alimenti in cattivo stato di conservazione. Cos'è l'istamina e quali rischi comporta L'istamina, una sostanza che si forma in alcuni alimenti fermentati e nel pesce (soprattutto se mal conservato), in certi casi può causare malesseri molto simili a quelli che si manifestano in caso di allergia. Per alcuni tipi di pesce come tonno, acciughe e sgombri esistono precisi limiti di legge sul tenore massimo di istamina consentito. Si può evitare il rischio di intossicazione assicurando un'igiene impeccabile durante la lavorazione del pesce e conservandolo in condizioni di refrigerazione. Anche per il tonno in scatola, una volta aperto, la raccomandazione è quella di consumarlo rapidamente. Necessaria maggiore chiarezza Chiediamo, ancora una volta, che si facciano i nomi dei prodotti ritirati. Questo genere di informazioni, infatti, rischia di generare allarmismi e disorientamento per il consumatore. Il ministero della Salute deve fare chiarezza. (ALTROCONSUMO) GUARDA IL VIDEO SHOCK: ECCO COME FANNO I WURSTEL



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'