I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La terra viaggia verso un’apocalisse ambientale

Grandi città come New York e Londra potrebbero diventare inabitabili entro 45 anni

Pubblicato il 10/10/2013 da Prevenzione a tavola

La Terra sta correndo verso un futuro apocalittico, in cui grandi città come New York e Londra potrebbero diventare inabitabili entro 45 anni a causa del cambiamento climatico irreversibile causato dall'uomo. Entro il 2044 il mite clima dell'Italia sarà solo un ricordo, entro 30 anni infatti quelli che definiamo eventi climatici estremi saranno la normalità: è lo scenario previsto dal primo studio che confronta decine di modelli diversi per mettere a punto una mappa mondiale che assegna ad ogni luogo la data 'limite' entro la quale i cambiamenti climatici si trasformeranno in realtà. Il lavoro realizzato da un gruppo internazionale di ricercatori coordinato dall'Università delle Hawaii e pubblicato sulla rivista Nature evidenzia inoltre che le prime aree ad essere travolte dal riscaldamento globale saranno le aree tropicali e i paesi in via di sviluppo, le nazioni meno responsabili dell'emissione dei gas serra. Mentre buona parte degli studi realizzati finora avevano definito scenari globali dei possibili cambiamenti climatici, i ricercatori statunitensi hanno creato una mappa interattiva di tutto il mondo - unendo i risultati di molti modelli - per visualizzare la data entro la quale il clima di ogni luogo cambierà. "Speriamo che con questa mappa - ha spiegato Abby Frazier, uno dei responsabili dello studio - la gente possa capire la progressione dei cambiamenti climatici del luogo dove vivono e di sensibilizzare le persone sull'urgenza di agire". La mappa mostra in modo chiaro come che le prime aree ad essere colpite dai cambiamenti climatici saranno quelle tropicali, come l'Indonesia dove le trasformazioni saranno pienamente visibili entro 10 anni. Sono proprio queste aree, spiega lo studio, a destare le maggiori preoccupazioni sia dal punto di vista ambientale che socio-economico. Le specie tropicali sono infatti considerate meno capaci ad adattarsi ai cambiamenti e l'incredibile rapidità dei cambiamenti in atto nell'area potrebbe portare a uno stravolgimento degli ecosistemi e di conseguenza all'approvvigionamento alimentare di decine di miliardi di persone. Per quanto riguarda l'Italia, lo studio pone il 2044 come data di riferimento entro cui il clima a cui siamo sempre stati abituati sarà ormai dimenticato. Più in generale questo a livello mondiale questo cambiamento sarà più lento verso le latitudini maggiori. "Questi risultati ci hanno sconvolto - ha spiegato Camilo Mora, responsabile dello studio - perchè i cambiamenti arriveranno presto, entro la mia generazione. A qualunque clima siamo stati abituati questo sarà un ricordo del passato". (ANSA)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo