I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La terra viaggia verso un’apocalisse ambientale

Grandi città come New York e Londra potrebbero diventare inabitabili entro 45 anni

Pubblicato il 10/10/2013 da Prevenzione a tavola

La Terra sta correndo verso un futuro apocalittico, in cui grandi città come New York e Londra potrebbero diventare inabitabili entro 45 anni a causa del cambiamento climatico irreversibile causato dall'uomo.Entro il 2044 il mite clima dell'Italia sarà solo un ricordo, entro 30 anni infatti quelli che definiamo eventi climatici estremi saranno la normalità: è lo scenario previsto dal primo studio che confronta decine di modelli diversi per mettere a punto una mappa mondiale che assegna ad ogni luogo la data 'limite' entro la quale i cambiamenti climatici si trasformeranno in realtà.Il lavoro realizzato da un gruppo internazionale di ricercatori coordinato dall'Università delle Hawaii e pubblicato sulla rivista Nature evidenzia inoltre che le prime aree ad essere travolte dal riscaldamento globale saranno le aree tropicali e i paesi in via di sviluppo, le nazioni meno responsabili dell'emissione dei gas serra.Mentre buona parte degli studi realizzati finora avevano definito scenari globali dei possibili cambiamenti climatici, i ricercatori statunitensi hanno creato una mappa interattiva di tutto il mondo - unendo i risultati di molti modelli - per visualizzare la data entro la quale il clima di ogni luogo cambierà. "Speriamo che con questa mappa - ha spiegato Abby Frazier, uno dei responsabili dello studio - la gente possa capire la progressione dei cambiamenti climatici del luogo dove vivono e di sensibilizzare le persone sull'urgenza di agire".La mappa mostra in modo chiaro come che le prime aree ad essere colpite dai cambiamenti climatici saranno quelle tropicali, come l'Indonesia dove le trasformazioni saranno pienamente visibili entro 10 anni. Sono proprio queste aree, spiega lo studio, a destare le maggiori preoccupazioni sia dal punto di vista ambientale che socio-economico. Le specie tropicali sono infatti considerate meno capaci ad adattarsi ai cambiamenti e l'incredibile rapidità dei cambiamenti in atto nell'area potrebbe portare a uno stravolgimento degli ecosistemi e di conseguenza all'approvvigionamento alimentare di decine di miliardi di persone.Per quanto riguarda l'Italia, lo studio pone il 2044 come data di riferimento entro cui il clima a cui siamo sempre stati abituati sarà ormai dimenticato. Più in generale questo a livello mondiale questo cambiamento sarà più lento verso le latitudini maggiori. "Questi risultati ci hanno sconvolto - ha spiegato Camilo Mora, responsabile dello studio - perchè i cambiamenti arriveranno presto, entro la mia generazione. A qualunque clima siamo stati abituati questo sarà un ricordo del passato". (ANSA)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni

Il latte vegetale più equilibrato è quello di soia

Studio ha analizzato latte di mandorla, soia, riso e cocco

Curcuma, la spezia che migliora la memoria e l’umore

Potrebbe contrastare anche l'Alzheimer. Ecco qualche ricetta per utilizzarla in cucina

Il miglior farmaco naturale si chiama melagrana

I suoi principi attivi sono utili nella prevenzione e nel trattamento di moltissime patologie

Ecco cosa succede al nostro corpo quando mangiamo cibo da fast food

I risultati di uno studio dell'Università di Bonn

I grani antichi sono davvero più sani di quelli moderni?

E' vero che sono più nutrienti e contengono meno glutine?

Come sbucciare la melagrana in 1 minuto

Ecco un trucchetto per aprire la melagrana facilmente

Mele e pomodori riparano i polmoni degli ex-fumatori

Rallentano il declino della funzione respiratoria anche per chi non fuma

La colazione per non sentire fame fino a pranzo

Sazia a spegne la fame nervosa, è una colazione talmente completa che possiamo evitare lo spuntino

Quante calorie contiene una fetta di panettone o di pandoro?

In ogni fetta sono contenuti 5 cucchiaini di zucchero che ci fa superare la soglia fissata dal OMS

Perché i broccoletti sono così buoni per la salute

Tutte i benefici dei broccoletti e qualche ricetta sfiziosa per cucinarli

10 valide ragioni per consumare i porri

I porri rappresentano un alimento che racchiude sorprendenti proprietà curative e nutrizionali.