I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I tonni rossi radioattivi di Fukushima contaminano l’oceano Pacifico

Ora si teme che la contaminazione possa estendersi anche all'uomo

Pubblicato il 20/08/2013 da Prevenzione a tavola

Un team di ricercatori statunitensi sostiene di possedere "prove inequivocabili" riguardo la contaminazione del tonno rosso del Pacifico, che, persino in California, porta tracce radioattive determinate dall'incidente nucleare avvenuto a Fukushima. Lo studio, intitolato "Pacific bluefin tuna transport Fukushima-derived radionuclides from Japan to California” pubblicato da Proceedings of the National Academy of Sciences, è nato dalla necessità di comprendere quanto cesio radioattivo venisse rilasciato nelle acque oceaniche dopo la tragedia dell'11 marzo 2011. Il team di ricercatori si domandò se il tonno rosso, che normalmente vive al largo delle coste giapponesi, potesse essere contaminato prima di migrare verso gli Stati Uniti. Per scoprirlo, dunque, sono stati prelevati alcuni campioni di tessuto muscolare di 15 esemplari di pesce, catturati nell'agosto del 2011 nei pressi di San Diego. Dalle analisi successive è emerso come il tessuto contenesse "circa 10 volte in più di cesio radioattivo rispetto al tonno rosso catturato al largo della costa della California nel 2008". Come se non bastasse, "i livelli erano anche circa 10 volte superiore rispetto a quelli del tonno pinna gialla pescato nei pressi della California nel mese di agosto 2011." Nonostante i livelli di cesio fossero molto al di sotto dei limiti fissati in Giappone, la situazione desta comunque e ancora preoccupazione, se non altro perchè la sostanza può diffondersi in tutto l'oceano contaminando anche altri animali, come tartarughe, squali, balene e uccelli marini. Inoltre, il materiale tossico può, ovviamente, finire con il contaminare anche l'uomo, attraverso la pesca e la successiva consumazione degli animali dell'Oceano Pacifico. "I nostri risultati dimostrano che i radionuclidi derivanti da Fukushima nei tessuti animali possono servire come traccianti di origine sia della migrazione sia potenzialmente dei tempi che richiede anche negli animali marini mobili", hanno spiegato gli autori dello studio. Inoltre "fornisce preziosi dati sui movimenti, complementari ai programmi di etichettatura estesi nel Pacifico."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Corsi - Prevenzione a tavola

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia