I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I tonni rossi radioattivi di Fukushima contaminano l’oceano Pacifico

Ora si teme che la contaminazione possa estendersi anche all'uomo

Pubblicato il 20/08/2013 da Prevenzione a tavola

Un team di ricercatori statunitensi sostiene di possedere "prove inequivocabili" riguardo la contaminazione del tonno rosso del Pacifico, che, persino in California, porta tracce radioattive determinate dall'incidente nucleare avvenuto a Fukushima. Lo studio, intitolato "Pacific bluefin tuna transport Fukushima-derived radionuclides from Japan to California” pubblicato da Proceedings of the National Academy of Sciences, è nato dalla necessità di comprendere quanto cesio radioattivo venisse rilasciato nelle acque oceaniche dopo la tragedia dell'11 marzo 2011. Il team di ricercatori si domandò se il tonno rosso, che normalmente vive al largo delle coste giapponesi, potesse essere contaminato prima di migrare verso gli Stati Uniti. Per scoprirlo, dunque, sono stati prelevati alcuni campioni di tessuto muscolare di 15 esemplari di pesce, catturati nell'agosto del 2011 nei pressi di San Diego. Dalle analisi successive è emerso come il tessuto contenesse "circa 10 volte in più di cesio radioattivo rispetto al tonno rosso catturato al largo della costa della California nel 2008". Come se non bastasse, "i livelli erano anche circa 10 volte superiore rispetto a quelli del tonno pinna gialla pescato nei pressi della California nel mese di agosto 2011." Nonostante i livelli di cesio fossero molto al di sotto dei limiti fissati in Giappone, la situazione desta comunque e ancora preoccupazione, se non altro perchè la sostanza può diffondersi in tutto l'oceano contaminando anche altri animali, come tartarughe, squali, balene e uccelli marini. Inoltre, il materiale tossico può, ovviamente, finire con il contaminare anche l'uomo, attraverso la pesca e la successiva consumazione degli animali dell'Oceano Pacifico. "I nostri risultati dimostrano che i radionuclidi derivanti da Fukushima nei tessuti animali possono servire come traccianti di origine sia della migrazione sia potenzialmente dei tempi che richiede anche negli animali marini mobili", hanno spiegato gli autori dello studio. Inoltre "fornisce preziosi dati sui movimenti, complementari ai programmi di etichettatura estesi nel Pacifico."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente