I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Gli ingredienti in un Hot Dog? Eccoli

Una lista completa di tutto ciò che è contenuto in un Hot Dog tradizionale

Pubblicato il 06/07/2013 da Prevenzione a tavola

Gli ingredienti di un hot dog tradizionale sono molti. Il Daily Mail li svela. Di seguito l'elenco. CARNE  Gli hot dog tradizionali sono costituiti da ritagli di maiale (pezzi di scarto ottenuti dalle braciole, pancetta e prosciutto) insieme con pollo o tacchino. La carne viene macinata in una sorta di pasta e mescolata con acqua, conservanti, aromi e coloranti. Gli hot dog in vendita da Tesco contengono pochissima carne. Il 64% è fatto di pollo separato meccanicamente. Solo il 17% è di maiale. La carne recuperata meccanicamente, è una pasta di viscida ottenuta setacciando le carcasse. La cosiddetta "melma rosa". ACQUA Gran parte dell'acqua in un hot dog viene aggiunta per creare la giusta consistenza della poltiglia di carne, che viene poi compressa e cotta. E' necessaria anche per tenere insieme il wurstel dopo la cottura. AMIDO Tutti i wurstel sono gonfiati con l'amido. Gli hot dog di solito contengono fecola di patate, farina di frumento o fette biscottate impastati con sale. L'amido serve per dare volume ad un hot dog e per rendere più piacevole il gusto della carne. SALE Gli Hot dog contengono circa il 2% di sale, il che significa che sono classificati come cibi ad alto tasso di sale. Se mangiati in eccesso possono aumentare il rischio di ipertensione, ictus e malattie cardiache. Un singolo wurstel di 35g contiene fino a 0,6 g di sale, un decimo di un cucchiaino e un decimo della dose giornaliera raccomandata di un adulto. PROTEINA DEL LATTE L'aggiunta di proteine ​​del latte in polvere all'impasto di carne aiuta a legare il tutto. Non c'è rischio per la salute, a meno che non siate allergici ai latticini. NITRITO DI SODIO La carne lavorata aumenta il rischio di cancro intestinale e il nitrito di sodio è pensato per ovviare a questo inconveniente. Si aggiunge agli hot dog per evitare che diventino grigi ed uccidere vari microbi. Gli studi su animali hanno collegato i nitriti di sodio ad un aumentato rischio di cancro. Nel 2006, gli scienziati hanno analizzato oltre 60 studi e ha scoperto che i nitriti sono legati anche rischi più elevati di cancro allo stomaco. AROMI Molti usano aromi artificiali (erbe, spezie, sedano e aglio in polvere). Alcuni utilizzano aromi chimici per esaltare il sapore. Il MSG dà al cibo una sensazione di "carne" ed è usato in zuppe e salse. Il MSG può causare allergie, mal di testa e disidratazione. TRIFOSFATI DI POTASSIO E DI SODIO Sono sali incolori che agiscono come stabilizzatori. Danno a un hot dog una struttura più solida, mantenendo la giusta acidità e consentendo agli oli e ai grassi di mescolarsi con l'acqua. L'E451 è anche usato nei detersivi come un addolcitore d'acqua. Non sono stati riscontrati problemi per la salute. E452 - POLIFOSFATI Un altro additivo alimentare è l'E452. Si tratta di un emulsionante e stabilizzante, che migliora la consistenza dell'hot dog. Inoltre aiuta a impedire l'avvelenamento alimentare causato da potenziali batteri. Non vi è alcuna prova di un rischio per la salute. E301 - ASCORBATO DI SODIO Una sorta di vitamina C. E' un antiossidante e un regolatore dell'acidità che dona alla carne il suo colore rosso e che accelera il processo di polimerizzazione. Se assunto in dosi elevate, può causare irritazione cutanea. E120 - CARMINIO E' un colorante alimentare rosso, che non ha effetti sulla salute, purché non siete allergici agli insetti. Si ottiene infatti, schiacciando i gusci dei piccoli coleotteri, che vengono cotti in ammoniaca. Può scatenare reazioni allergiche e perfino shock anafilattico in alcune persone. E160c - ESTRATTO DI PAPRICA Un altro colorante alimentare naturale, questa volta fatto con i semi secchi dei peperoncini indiani. DA SAPERE Gli hot dog in America appresentano il 17% di tutti i casi di soffocamento dei bambini. I wurstel uccidono 80 bambini l'anno.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Corsi - Prevenzione a tavola

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle