I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allarme borotalco. Ecco cosa può provocare

Aumenterebbe il rischio cancro alle ovaie

Pubblicato il 20/06/2013 da Prevenzione a tavola

L'uso ripetuto e costante di talco in polvere sulle zone genitali femminili, aumenta esponenzialmente il rischio che insorga un cancro epiteliale ovarico. A lanciare l'allarme è un gruppo di ricercatori guidati da Kathryn L. Terry, Ostetrica e Ginecologa presso il Brigham and Womens Hospital di Boston: la ricerca, pubblicata il 12 giugno sulla rivista scientifica Cancer Prevention Research, è stata effettuata su un campione di oltre 18.000 donne ed ha evidenziato come l'utilizzo di polvere di talco sulle zone genitali possa aumentare del 24% lo sviluppo di tumore delle ovaie. I risultati della ricerca hanno evidenziato come il rischio riguardi la contrazione di alcuni sottotipi specifici di tumore: 1. sieroso, cioè costituito da una neoplasia (o «massa di tessuto») a forma irregolare le cui cellule invadono i vasi sanguigni e linfatici; 2. endometrioide, cioè formato da due tipologie di tessuto, ghiandolare e stromale (lo stroma è un tessuto di sostegno alla componente ghiandolare), entrambe presenti nell'endometrio; 3. a cellule chiare, così chiamato proprio per l'aspetto chiaro delle cellule. Per le donne che utilizzano la polvere di talco su tutto il corpo eccetto che sulle zone genitali non è stato invece rilevato nessun rischio. Contando però che dei pericoli legati all'utilizzo del talco si è già parlato ampiamente anche in passato e che questo è solo l'ultimo studio di una lunga serie, converrà forse propendere per un'alternativa naturale e decisamente più innocua come l'amido di riso, dall'azione emolliente e lenitiva che rinfresca e assorbe sebo e sudore senza ostruire i pori né causare rischi qualora venga inalato accidentalmente. In fondo prevenire, è sempre meglio che curare.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali